CamBio-modo & Colori e profumi dell’orto

 

Ecoistituto del Mediterraneo sta realizzando per il secondo anno consecutivo i progetti “CamBio-modo” e “Colori e profumi dell’orto” in parternariato con il Comune di Pula – Assessorato alla Pubblica Istruzione e in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Statale “Benedetto Croce ” e l’Istituto Alberghiero Azuni di Pula.

L’iniziativa nasce dal successo dell’esperienza svoltasi durante l’anno scolastico 2012/2013 grazie ad un cofinanziamento della Provincia di Cagliari destinato a progetti scolastici finalizzati alla valorizzazione dei prodotti locali e del territorio nelle mense scolastiche.
Il progetto, riprendendo le indicazioni delle Linee guida per l’Educazione Alimentare nella scuola italiana del MIUR, si pone tra gli obiettivi quello di favorire una riflessione sulle scelte alimentari e di promuovere un rapporto corretto con il cibo coinvolgendo il personale scolastico, gli alunni, i genitori, l’amministrazione e la comunità tutta in una crescita che porti a scelte più consapevoli e sostenibili.
L’Istituto Comprensivo “Benedetto Croce”, dislocato su due comuni con una forte tradizione agricola di coltivazione, Pula e Domus de Maria, diviene luogo privilegiato per il recupero della cultura tradizionale e per la riscoperta graduale di un rapporto più sano con il cibo.
In questo anno scolastico sono state condotte tante attività:

  • attività di animazione sensoriale in mensa destinate alla scuola dell’infanzia dove, grazie ad un simpatico personaggio un po’ solitario, pigro e sovrappeso di nome “Efisio Smurzone”, i bambini hanno imparato a conoscere i cibi amici e nemici della corretta alimentazione;
  • gli allievi della scuola primaria sono stati coinvolti in un percorso di approfondimento sulla filiera del pane che si è concluso con un laboratorio pratico condotto da due maestri artigiani di Sestu;
  • gli insegnanti ed i genitori hanno partecipato ad una serie di incontri e seminari sulla corretta alimentazione, sulla relazione tra cibo e sostenibilità e sull’importanza delle etichette con il coinvolgimento di partner di rilievo quali Slow Food Sardegna;
  • le famiglie saranno ulteriromente coinvolte in una gara gastronomica multietnica che vedrà il suo esito in una giornata conclusiva a maggio;
  • i ragazzi delle medie hanno proseguito il cammino tracciato lo scorso anno nella serra nella produzione di ortaggi e di piante officinali e sono stati coinvolti in un concorso artistico multisciplinare dal titolo “Il cibo della Sardegna, dalla tradizione al design”.

Il progetto si concluderà a maggio con l’Evento finale “II Mercato di Primavera”.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>