15289192_570048173205631_8094744506144105312_o

Eventi sostenibili 2016

La crescita costante della sensibilità dell’opinione pubblica nei confronti della salvaguardia ambientale ha spinto gli enti pubblici a prendere coscienza dell’importanza della gestione sostenibile di festival e manifestazioni rivolte alla cittadinanza.
Da tale consapevolezza deriva la spinta a spronare gli organizzatori di eventi a realizzare iniziative più responsabili dal punto di vista ambientale ma anche economico ed etico-sociale.

Gli eventi pubblici, infatti,

  • attirano centinaia/migliaia di persone
  • determinano un consumo di risorse puntuale e temporaneo (che va gestito con attenzione per limitare gli impatti sull’ambiente)
  • sono un’occasione privilegiata di comunicazione con la società.

Un evento sostenibile porta con sé i seguenti benefici:

  • può veicolare valori, contenuti e messaggi ad un pubblico ampio rafforzando l’identità dell’evento stesso
  • ottiene più facilmente l’approvazione degli enti pubblici, degli sponsor e dei portatori di interesse locali
  • ottimizza le risorse riducendo gli sprechi in entrata e in uscita.

Nell’erogazione dei contributi pubblici alle manifestazioni culturali non è ancora prevista un’alta premialità per la progettazione e implementazione di pratiche green, quindi gli operatori del settore non sono ancora molto incentivati ad investire risorse ed energie in questo ambito.

Anche quest’anno, però, per il secondo anno consecutivo, abbiamo avuto l’opportunità di supportare due festival regionali nell’implementazione di buone pratiche sostenibili:  il festival Pazza Idea. Progetto creativoorganizzato dall’Associazione Luna Scarlatta, e il festival Creuza de Mà - Musica per filmorganizzato dall’Associazione Backstage.

Siamo certi che occuparsi degli aspetti ambientali di un festival non significhi rinunciare a qualcosa o avere meno comfort, ma solamente ripensare alcune abitudini e organizzarsi per fare le cose in modo diverso.

Per questo abbiamo studiato alcune semplici pratiche, adatte alle dimensioni dei due festival che, pur non strutturate in una vera e propria certificazione, hanno cambiato a poco a poco il  modo di lavorare degli organizzatori.

Tali pratiche hanno riguardato principalmente la riduzione dei rifiuti e la raccolta differenziata e la comunicazione.

I rapporti di sostenibilità di entrambi i festival saranno presto disponibili sul sito di entrambi i festival alla rinnovata sezione sostenibilità:

Pazza Idea
Creuza de mà

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>